Le Cinque Terre.org


Campiglia - Punta Persico





528 (ex n. 11) Campiglia - Punta Persico

Tempo di percorrenza: 40 minuti. (Ritorno: 1 ora e 30 minuti)
Difficoltà: E - Escursionistico
Lunghezza: 1.278 km
Dislivello: 358 mt
Punti d'acqua: spiaggia del Persico

Da Campiglia si procede verso il mare partendo dalla piazzetta antistante la chiesa di Santa Caterina. Si percorre per un breve tratto la carrozzabile per poi svoltare a sinistra e prendere la scalinata di Tramonti. Tra vigneti e uliveti si scende fino alla località Il Chioso, dove comincia il sentiero per il Navone (528V).
Si continua a scendere ripidamente facendo molta attenzione fino a Case Persico, con il bel gelso al centro del piccolissimo abitato. La scalinata diventa più dissestata fino ad arrivare alla spiaggia del Persico, formata da grossi ciotoli.

Chioso - Navone





528V Chioso - Navone

Tempo di percorrenza: 40 minuti.
Difficoltà: E - Escursionistico
Lunghezza: 0.481 km


Il sentiero è una diramazione del percorso 528 Campiglia-Persico. Dalla località Chioso, si procede tra alcune case e muretti a secco, scendendo ripidamente verso il mare.

Sant'Antonio - Fossola



534 (ex n. 4C) Sant'Antonio - Fossola

Tempo di percorrenza: 45 minuti. (Ritorno: 1 ora e 25 minuti)
Difficoltà: E - Escursionistico
Lunghezza: 1.164 km
Dislivello: 304 mt
Punti acqua: Sant'Antonio

Dalla località Sant'Antonio, in collina, crocevia di numerosi percorsi con una vasta area attrezzata con tavoli in legno, il sentiero 504 parte da qui scendendo per un'ampia mulattiera in pietra, passa dalla località Casotti e scende fino all'abitato di Fossola, dove si trova la piccola chiesa dell'Angelo Custode. L'ultimo tratto del percorso che dovrebbe portare al mare non è al momento praticabile.

Campiglia - Monesteroli





535 (ex n. 4b) Campiglia - Monesteroli

Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 minuti (ritorno: 1 ora e 45 minuti).

Difficoltà: E - Escursionistico
Lunghezza: 3.756 km
Dislivello: 199 mt
Punti acqua: nessuno potabile.

Da Campiglia si prende il vico Codemin e ben presto la strada si fa sentiero. Tra terrazzamenti si scende nel bosco di lecci incrociando il 504C che porta a Schiara, mentre il percorso scende fino ad attraversare il fosso di Schiara e alla strada asfaltata Sant'Antonio-Schiara.
Si scende la carrozzabile fino al tornante successivo e la fontana di Nozzano, proseguendo in discesa a sinistra tra lecci e vigne. Si incontra un altro bivio, stavolta con il percorso 536 per Monesteroli, sempre in discesa per poi entrare in un tratto boscoso che circonda il Fosso di Reboi. Continuando fino a Fossola, si sale la scalinata e si segue la carrozzabile fino al punto informativo del Parco all'uscita della galleria di Biassa.

Bivio 504 - Monesteroli



536 (ex n. 4D) Bivio 504 - Monesteroli

Tempo di percorrenza: 40 minuti. (Ritorno: 1 ora e 10 minuti)
Difficoltà: EE - Escursionisti esperti
Lunghezza: 0.911 km
Dislivello: 408 mt

Il percorso 536 si stacca dal 504 a quota 417 mt, nei pressi di alcuni edifici isolati, in località Ciàn de Véo. Procede in discesa lungo una mulattiera in pietra e incontra il percorso 535 proveniente da Campiglia.
Si continua a scendere per la scalinata verso Monesteroli, la Scalinata Grande, bisogna fare molta attenzione perchè la pendenza è molto elevata. Arrivati a Monesteroli, si può scendere a mare in due modi: attraversando una proprietà privata verso lo scoglio Montonaio, all'uscita della galleria dei Buggi, oppure scendendo a sinistra dopo l'ultimo edificio lungo un sentierino poco praticabile.