Video di Camogli







Camogli
Camogli

Camogli
Camogli

Camogli
Camogli

Camogli
Camogli

Camogli
Camogli

Camogli
Camogli

Camogli
Camogli

San Fruttuoso di Camogli
San Fruttuoso di Camogli

San Fruttuoso di Camogli
San Fruttuoso di Camogli





Camogli




Indice delle informazioni su Camogli:

- Storia
- Cosa vedere
- Dove dormire
- Dove mangiare e ristoranti
- Spiagge
- Trekking
- Gastronomia
- Feste
- Come arrivare e parcheggio
- Gite in barca
- Previsioni meteo

Tempo di lettura: 6 minuti.

Camogli è un tipico borgo marinaro ligure, con le case colorate affacciate sul lungomare e il porticciolo.
Conosciuta anche come la "Città dei mille bianchi velieri", Camogli si affaccia sul Golfo Paradiso, a est del monte di Portofino, di cui occupa la parte più ampia del Parco Naturale Regionale di Portofino.
L'aspetto attuale di Camogli si deve all'abbattimento nel 1913 di vecchie case e palazzi davanti al mare.

La storia
La zona venne già abitata nella preistoria nella sua parte collinare, come dimostrano i ritrovamenti di insediamenti nei pressi del Castellaro.
Dal V secolo d.C. i primi abitanti scesero verso il mare e fondarono probabilmente una chiesa nei pressi del porto. Il villaggio seguì le vicissitudini di tutta la costa ligure, con le dominazioni bizantine, longobarde e dei Franchi fino al X secolo.
Dall'anno 1000 Camoglia cominciò a essere menzionata come "Vila Camuli". Nel XII secolo venne eretto da Genova il castello della Dragonara, poi conquistato da Gian Galeazzo Visconti e Nicolò Fieschi nel 1366. Dopo un periodo di dominio milanese fino al XV secolo, Camogli passò in modo stabile sotto la repubblica genovese condividendo le sorti fino all'arrivo di Napoleone. In questo periodo si sviluppò la fiorente industria navale di Camogli con la conseguente crescita demografica e urbanistica, guadagnandosi appunto il titolo di "Città dei mille bianchi velieri".
Passato al Regno di Sardegna, nel 1861 entrò a far parte del Regno d'Italia.

Cosa vedere
A Camogli troviamo numerosi monumenti da ammirare, alcuni famosi in tutta Italia,

  • Basilica di Santa Maria Assunta. Parte della tipica cartolina di Camogli, affacciata sul porticciolo. In origine del XII secolo, oggi presenta una facciata neoclassica e un interno a tre navate con le spoglie di san Fortunato.
  • Castello della Dragonara. Dietro la basilica, del XII secolo, venne più volte assalito e distrutto. Oggi è sede di mostre culturali.
  • Palazzata di Camogli. È la tipica cortina di case torri ottocentesche, dai colori vivaci che si affacciano sul mare, dove una volta esisteva una serie di case simili.
  • Abbazia di San Fruttuoso. Una delle meraviglie della Liguria, posta nella baia di San Fruttuoso, all'interno del parco di Portofino. Costruita tra il X e XI secolo, è raggiungibile solo via mare o a piedi.
  • Chiesa di San Nicolò di Capodimonte. Edificio del XII secolo posto lungo il sentiero che porta a Punta Chiappa. Conserva interessanti affreschi.
  • Cristo degli Abissi. Davanti a San Fruttuoso, si tratta di una statua di bronzo del 1954 posta sul fondo del mare, a quindici metri di profondità.
  • San Rocco e Ruta. Caratteristici paesini dell'entroterra camoglino.


  • Dove dormire (aggiornato 2022)
    Camogli richiama molti turisti per diverse ragioni: la bellezza del borgo, l'abbazia di San Fruttuoso, il trekking e naturalmente le spiagge, oltre alla vicinanza delle altre località del Golfo del Tigullio.
    Cerca il tuo hotel preferito a Camogli.

    Dove mangiare (aggiornato 2022)
    Tra i numerosi ristoranti di Camogli, ecco alcuni suggerimenti:
    Ristorante Sâ: a poca distanza dal porticciolo. Menù di pesce.
    La Bossa di Mario Enoteca: nel centro storico, ambiente accogliente e piatti ricercati.
    Ristorante Cucù: locale caratteristico nel centro storico. Piatti di mare protagonisti.
    Ristorante Mille e Una Notte: nella parte di Camogli, con sala interna e dehors vista mare. Menù di pesce.
    Ostaia da o Sigu: imperdibile ristorante fronte mare. Il pesce è il re.

    Le spiagge
    La spiaggia di Camogli si estende per circa 400 metri davanti alle palazzata a mare, chiusa tra il castello della Dragonara e l'hotel Cenobio dei Dogi, dove inizia il promontorio dell'Area Marina Protetta di Portofino.
    Il litorale è stretto e allungato, formato da ciottoli, sabbia e ghiaia. Il mare è blu e limpido, a breve distanza dalla spiaggia diventa subito profondo.
    Prevalentemente occupata da stabilimenti balneari, sono presenti anche alcune parti di spiaggia libera.

    All'interno del Parco di Portofino invece si trova la splendida spiaggia di San Fruttuoso di Camogli, solo raggiungibile a piedi o in battello. Posta in un'insenatura circondata dalla vegetazione mediterranea, è di ridotte dimensioni, con un litorale di ciottoli molto raccolto.
    Davanti a San Fruttuoso si trova sul fondo del mare la statua del Cristo degli Abissi.
    Le informazioni dettagliate sulle spiagge di Camogli e come arrivarci.

    I sentieri trekking
    Il territorio comunale di Camogli è attraversato da numerosi percorsi escursionistici, soprattutto nella parte più occidentale in direzione del promontorio di Portofino. Eccone alcuni:
  • Camogli-San Fruttuoso. Il sentiero delle batterie, 8 km, 3 ore. Percorso con punti a picco sul mare, per escursionisti esperti. All'inizio una lunga scalinata che arriva alla chiesa di San Rocco, poi un percorso panoramico fino alle batterie e quindi la parte più impegnativa con parti esposte.
  • Camogli-Portofino-Santa Margherita Ligure. 16 km, 6 ore. Da Camogli costeggia la montagna fino alla chiesa di San Rocco, prosegue lungo la via Crucis e continua nel bosco fino a Portofino. Da qui una strada pavimentata porta a Paraggi e quindi fino a Santa Margherita sul lungomare.
  • Camogli-Punta Chiappa. 2,5 Km, 1 ora. Classico percorso, da Camogli si sale verso chiesa di San Rocco, si continua per via Mortola e dopo 200 metri si gita a destra verso il mare passando da Pego e dalla chiesa di San Nicolò di Capodimonte. Da qui si può scendere lungo la breve scalinata fino a Punta Chiappa.


  • Gastronomia
    I piatti tipici di Camogli sono comuni a molte località del Tigullio e della Liguria, come le trofie al pesto, i pansotti al sugo di noci, le acciughe, le cozze ripiene, la focaccia, fritture e grigliate di pesce.
    Ricetta tradizionale è la capponada di Camogli, un'insalata di mare preparata con verdure crude, filetti di acciughe, mosciame di tonno, gamberi, uova sode, olive, capperi e gallette di pane.
    Tra i dolci, da segnalare i camogliesi, dolci dall'impasto morbido coperti con cioccolato fondente e zucchero. I camogliesi tradizionali sono ripieni di rhum, oggi si trovano anche con caffè, mandorla, nocciola, arancia.

    Feste
    Oltre ai numerosi eventi estivi, organizzati per la stagione turistica, le celebrazioni più tradizionali di Camogli sono la Festa di San Fortunato, patrono dei pescatori e del borgo, il secondo sabato di maggio. Si svolge una processione notturna, con la statua del Santo portata a braccia e alla ine uno spettacolo pirotecnico di fuochi d'artificio.
    Il giorno dopo, la domenica, si continua a festeggiare con la Sagra del pesce, nella piazza del porticciolo, dove dal 1954 la frittura del pesce è protagonista in un grande padellone di quattro metri di diametro.
    La prima domenica di agosto è la volta della Festa della Stella Maris, dedicata alla Madonna protettrice dei marinai, molto scenografica con centinaia di lumini galleggianti accesi in mare.
    Camogli ha altri due patroni, la Madonna del Boschetto, festeggiata il 2 luglio e San Prospero, il 31 agosto.

    Come arrivare e parcheggio
    Camogli è comodamente raggiungibile in macchina percorrendo l'autostrada A12 e prendendo l'uscita di Recco. Il casello si trova a 3,5 km dalla spiaggia di Camogli.
    È possibile anche percorrendo la SS1 Aurelia, soprattutto proveniendo da Genova, passando del centro di Recco. Dalla Spezia si allunga inutilmente il tragitto, a meno che vogliamo fare una strada più panoramica.
    Il treno è il mezzo migliore, lungo la linea ferroviaria Genova-La Spezia. La stazione si affaccia quasi sul mare.
    Infine, durante il periodo estivo, molto suggestivo il traghetto con i servizi della compagnia Golfo Paradiso, con partenze da Genova e Recco. Da Camogli partono batelli per le Cinque Terre, Punta Chiappa, San Fruttuoso e Portofino.
    Scopri le informazioni dettagliate su come arrivare a Camogli.

    Parcheggiare a Camogli è possibile, principalmente a pagamento. In città sono presenti due parcheggi:
  • Parcheggio di Via Cuneo, poco lontano dalla spiaggia, con circa 100 posti auto.
  • Parcheggio di Piazza Matteotti, in parte gratuito, con circa 70 posti, vicino al centro e alla spiaggia.
  • Parcheggio Area Ex Pisoni, nei pressi del supermercato Gulliver, una novantina di posti a pagamento, con servizio di bus navetta gratuito.
  • Parcheggio di Via San Rocco, tra Ruta e San Rocco. Ampio parcheggio a pagamento, anche per campers.

  • Informazioni dettagliate su dove parcheggiare a Camogli.

    Gite in barca
    Sono possibili gite in barca da Camogli in estate, con i servizi della compagnia Golfo Paradiso, con partenze per le Cinque Terre, Punta Chiappa, San Fruttuoso e Portofino.
    Esistono anche operatori privati per noleggiare una barca o un gommone e visitare le vicinanze in modo autonomo: Gite in barca da Camogli.

    Meteo
    Grazie alla protezione delle colline, che impediscono ai venti del nord di arrivare fino al mare, Camogli gode di un clima temperato. Controlla le previsioni del tempo per Camogli.